Milano: come sarà la nuova pasticceria di Iginio Massari

Vuoi essere un pasticciere famoso per come si mangia nella tua pasticceria, o perché vai spesso in tv. Oppure puoi essere Iginio Massari.

Talmente una categoria a parte da avere un fan club, tappa fondamentale nella costruzione del suo culto. Che se permettete, ha qualcosa in più rispetto a quello dei cuochi rockstar con ciuffi e tatuaggi, frangette e maniche arrotolate: la sacralità che a loro manca (tolto forse Massimo Bottura).

Chissà se entrando nel suo nuovo locale, come avviene già per la pasticceria Veneto di Brescia –appena valutata la migliore d’Italia dal Gambero Rosso–, si avrà l’impressione di assistere più a una funzione religiosa che a una esposizione di dolci.

 

Già, perché ora, oltre al periodo –febbraio 2018– conosciamo anche il posto in cui Iginio Massari aprirà la sua seconda pasticceria, a pochi passi da piazza Duomo.

Sarà nella centrale Via Marconi, angolo Piazza Diaz, al piano terra  di una delle sedi di Intesa Sanpaolo, appena ridisegnata e arredata secondo il nuovo «layout di filiale».

Massari, l’uomo che sussurra al panettone, il presidente onorario dell’Associazione Maestri Pasticceri Italiani, membro del blasonato Relais Dessert, asso pigliatutto, bibbia vivente della pasticceria, porterà con sé a Milano i meravigliosi bignè, le torte, e gli altri dolci che lo hanno reso celebre.

A cambiare sarà invece la formula, che per la prima volta vedrà collaborare un pasticciere con una banca.